La Gricia

Print

Ingredienti per 4 persone

400 gr. di spaghetti

200 gr. di guanciale

120 gr. di pecorino romano non troppo saporito

sale e pepe nero

Preparazione

Butta gli spaghetti nella pentola con acqua bollente salata.

Metti in una padella calda il guanciale tagliato a listarelle soffriggere lentamente fino a quando il grasso diventerà trasparente ed inizierà a sciogliersi e il guanciale a diventare croccante.

 

Scola gli spaghetti al dente tenendo da parte un paio di mestoli di acqua di cottura, buttali nella padella con il guanciale, aggiungi il pecorino, una macinata di pepe nero e mescola finchè gli ingredienti saranno amalgamati. Tieni il fuoco al minimo. Se necessario aggiungi un po’ dell’acqua di cottura della pasta per far sciogliere il pecorino. Questa fase deve essere abbastanza veloce, nel momento in cui il formaggio diventa cremoso è necessario togliere dal fuoco ed impiattare, altrimenti si rischia che il formaggio torni a solidificarsi.

Aggiungi, a piacere, dell’altro pecorino.

Un po’ di storia…

Anche se gli abitanti di Amatrice non sono forse d’accordo, si narra che la gricia sia l’antenata dell’amatriciana che alla prima ha aggiunto solo il pomodoro. Se Amatrice è la terra dell’amatriciana, Grisciano è quella della gricia. Siamo sempre in zona, pochi chilometri di distanza. Il dibattito sugli ingredienti storici di questo piatto è vivissimo: chi vuole il peperoncino e chi, per ragioni temporali rispetto alla sua introduzione in Italia, lo esclude. Chi al posto del pecorino ci vede la ricotta dura salata (usata dai pastori in quanto il pecorino, più pregiato, veniva venduto ai “ricchi" romani). Fattostà che questo piatto incanta ogni volta. E come tutti i piatti semplici, con pochi ingredienti, richiede qualità degli stessi e religiosa attenzione nella preparazione. Tanto per dire: 30 secondi in più nella fase di “fusione" degli ingredienti in padella e la magia è già svanita…

“State a senti, x prima cosa vermicelli, pecorino romano, guanciale, pepe nero macinato
all’istante,fate rosolà er guanciale, bello scrocchiarello! mettetece na manciata de pecorino, e na grattata de pepe scolate la pasta lasciando un po’ de acqua de cottura
mantecate il tutto cor pecorino! E poi senti che spettacolo…………"

Lascia un commento